Oscar Piattella


Mostre 1990 - 2


1990 – Con piena maturità e concentrazione nuova Piattella rifonde con sciolta ma conseguente mobilità inventiva gli ingredienti di sempre del suo lavoro. Ritornano le scansioni reticolari, gravide di linfe che vengono da lontano: dalla significanza della regola, e dalla sua funzionale necessità( nel costruire come nel lavorare la campagna), o dalla misura ( struttura d'ogni cosa e specchio, e rivelazione, di un equilibrio cosmico), alla pregnante presenza della terra, della luce, e quindi dall'acqua, della vegetazione dell'uomo. Costantemente risolto, tutto  in immagine: non, quindi, solo raccontato, o presupposto, o sperimentalmente indagato. Senza, cioè, minuziosità illustrative o effusioni espressive; e senza, d'altro canto, minimalismi analitici. 

Luciano Caramel